martedì 13 ottobre 2015

Iracebeth, la Regina Rossa

Non bastava essere pazza sin da bambina per “Alice nel paese delle meraviglie”, prima con il libro di Lewis Carroll e poi con il cartone Disney, ci voleva anche la versione noir di Tim Burton per infierire ulteriormente, nonostante nel frattempo io sia diventata un'adulta, o quasi!
Confesso di faticare parecchio nel trattenermi dal riempire la casa di oggetti tra i più inutili esistenti sulla faccia della terra, riguardanti l’irresistibile e folle storia della bionda fanciulla e dei suoi strampalati compagni d’avventura; se fosse per me gioielli, ninnoli, gadget, cappelli, pelouche, tutto potrebbe trovare spazio tra i feticci della mia già affollata stanza delle idee.
Questa premessa spiegherà solo in parte la bizzarra idea di divertirmi, per una sera, nei panni della perfida Regina Rossa, ma abbiate pazienza, prendetemi per quella che sono: un’instancabile sognatrice con i piedi per terra e la testa per aria…. a proposito, TAGLIATELE LA TESTA!







Nessun commento:

Posta un commento